Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Presentazione

  • : Blog di Emiliano Bertini
  • : Il blog di Emiliano Bertini: descrizione e approfondimenti di Astronomia ed'esplorazione spaziale per capire meglio i segreti dell'Universo e il nostro ruolo all'interno di esso.
  • Contatti
22 febbraio 2012 3 22 /02 /febbraio /2012 10:36

Uno stupefacente pianeta blu ghiacciato per l'enorme distanza che lo separa dal Sole, l'ultimo del sistema solare, sperduto a oltre 4 miliardi di km dalla Terra, la dove solo una sonda è stata spedita, il Voyager 2, attualmente l'oggetto costruito dall'uomo che è arrivato più lontano.

E' qui che risiede il gigante Nettuno, l'ultimo pianeta del sistema solare.nettuno.jpg

Nettuno è il quarto ed ultimo pianeta del sistema solare esterno e si tratta come tutti i 4 pianeti esterni del sitema solare di un gigante gassoso.

Molto simile al suo "gemello" Urano ma più denso Nettuno è anche il quarto pianeta del sistema solare in ordine di grandezza. Scoperto nel 1846 prende il nome dal dio romano del mare e a oggi, grazie sopratutto alla pionieristica sonda Voyager 2, sappiamo che il pianeta possiede 13 lune e anche un sistema di anelli molto debole e frammentato ma il fenomeno che maggiormente lo contraddistingue dagli altri pianeti del sistema solare è sicuramente la velocità dei suoi venti che, misurati al passaggio del Voyager 2 nel 1989, hanno fatto registrare raffiche fino a 2100 km/h, (i più forti del sistema solare), che si pensa abbiano dato vita alla celeberrima grande macchia scura, osservata nel1989 e in seguito sparita.

La temperatura media sulla superficie del pianeta è di circa -220 gradi C° ed essendo il pianeta piu lontano dal Sole compie una rivoluzione intorno ad esso in circa 165 anni, (1 anno nettuniano), mentre un giorno nettuniano, (una rotazione completa sul proprio asse), dura poco più di 16 ore.

Tra i 13 satelliti naturali conosciuti di Nettuno ce nè uno particolarmente interessante, Tritone che è anche il più grande satellite posseduto dal pianeta e che orbitare in direzione retrograda rispetto a Nettuno.

Questa luna presenta sulla sua superfice un'attività geologica particolarmente intensa caratterizzata dalla presenza di numerosi geyser che eruttano azoto liquido, polveri o composti del metano nell'atmosfera, formando dei pennacchi alti fino ad 8 km.

Le nuove scoperte di moltissimi corpi celesti nel sistema solare esterno oltre i pianeti giganti hanno portato gli astronomi a coniare un nuovo termine, (oggetto trans-nettuniano), che designa qualsiasi oggetto orbitante oltre l'orbita di Nettuno tra cui anche il famoso Plutone. Questa vastissima zona post planetaria è la Fascia di Kuiper, una zona tanto fredda quanto estesa ( da 30 UA fino a 55 UA), in cui stiamo scoprendo moltissimi nuovi piccoli mondi ghiacciati  simili a Plutone tutti da esplorare.

Condividi post
Repost0

commenti